Varanasi, la città Santa indiana in un solo giorno

Una settimana in India è veramente poco, ma durante la nostra permanenza tutta al femminile anche se il tempo è stato rosicato non abbiamo voluto tralasciare la città santa per eccellenza: Varanasi.

Cosa fare a Varanasi, la città Santa, in un giorno? Ma soprattutto, come arrivarci da Agra ?

Noi, arrivate ad Agra, abbiamo salutato il nostro bravissimo driver (la strada è comunque troppo lunga da fare in auto) e ci siamo dedicate anima e corpo a trovare un modo per arrivare a Varanasi (saremmo poi tornare a Delhi in aereo).

Già a Jaipur avevamo perso metà pomeriggio in stazione dei treni per trovare una cuccetta notturna Agra-Varanasi, non volevamo perderci l’esperienza del treno e comunque sarebbe stata la soluzione migliore. Purtroppo però non c’era posto (si, è molto strano lo so, io se mai dovessi rifare questa tratta chiederei aiuto da un’agenzia viaggi pagandogli una commissione….), e chiedendo informazioni su facebook abbiamo scoperto che da qualche mese esistono degli autobus notturni che in 12 ore fanno il servizio Agra-Varanasi.

Io non ero molto convinta. Le strade in India sono pessime e so bene cosa passa di notte sulle statali non illuminate e quanto corrono gli autisti, speravo almeno che fossero 2 e che facessero a turno! Ero preoccupata, per me ma anche per le mie amiche alla loro prima esperienza asiatica. Era però in effetti l’unica soluzione possibile e la curiosità delle ragazze era tanta (io avevo già visto Varanasi molti anni fa):  abbiamo comprato i biglietti per l’autobus notturno.

L’esperienza è stata inverosimile e spero di non rifare mai un viaggio del genere. Tralasciando il “taxi” gratuito dall’ufficio al punto di partenza ossia in autostrada, ed il taxi in questione era un tuc tuc che di norma porta 3 passeggeri ma noi eravamo in 3 ragazze + 2 coppie= 7 + guidatore, ma questo atteggiamento è del tutto indiano, l’autobus tutto sommato era pulito e recente e le cuccette non erano poi così scomode. Ma gli autisti (che per fortuna erano 2!!) erano allucinati, forse drogati per restare svegli, avevano una fretta pazzesca di farci salire e partire e correvano come matti! Sono andata in bagno che era proprio vicino all’autista ed oltre ad avere la musica a tutto volume, non riuscivo a stare in piedi perché la velocità era troppa e la strada troppo dissestata, mi pento di non aver fatto un video ma in quel momento non riuscivo proprio a stare lì davanti a guardare che a breve ci si schiantava magari con una mucca!!

Una settimana in India, cosa fare e cosa vedere nel dettaglio! Clicca qui.

Dopo 15 ore siamo arrivate a Varanasi ! Finalmente. Arrivate nella città Santa.

Visitare Varanasi resta un obbligo per chi visita l’India.  Varanasi è l’essenza dell’India.

Le cose da fare a Varanasi sono molte ma noi abbiamo voluto dedicare tutto il tempo a nostra disposizione alla visita dei Ghat, da terra ma anche dalla barca.

Varanasi è un dedalo di vicoli e stradine, gli odori che si sentono camminando sono contrastanti all’inverosimile, si passa dall’odore dolciastro degli incensi alla puzza di cacca di mucca che bisogna essere bravissimi a schivarla: già solo passeggiare è di per se un viaggio nel viaggio.

I ghat sono semplicemente degli accessi, costruiti con delle lastre di cemento, che portano al fiume Gange. Il Fiume sacro per eccellenza.

Ci sono un’infinità di Ghat e ogni ghat ha la sua caratteristica. C’è il ghat dove si fa la puja serale (che è anche il ghat principale ed il più grande) , il ghat dove si bruciano i morti, dove ci si immerge nel fiume, dove semplicemente si può ammirare un bellissimo tramonto. Qualunque ghat voi scegliate sarà un esperienza mistica e surreale.

La mattina molto presto, ancora con il buio, si prende la barca dal ghat principale e si fa un bel giretto all’alba…. un’esperienza magica….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *