Mongolia, cosa vedere in 10 giorni

Organizzare un viaggio in Mongolia è più semplice di quanto sembri! Noi abbiamo trascorso 15 giorni nella steppa e nel deserto mongolo ed è stato un viaggio fantastico.

Mongolia, cosa vedere in 10 giorni

Se siete alla ricerca di informazioni utili e tecniche legate all’ organizzazione potete leggere questo nostro articolo, oggi entriamo nel vivo dell’ itinerario e vi parliamo di cosa abbiamo visto durante il nostro viaggio.

Baga gazrun chuluu, (Rock formation), Voto 8

La prima tappa per antonomasia di un tour che si spinge fino al deserto del Gobi, si parte dalla capitale Ulan Bator e si viaggia per un totale di circa 5 ore in buona parte su strada asfaltata, la strada ad un certo punto termina ed inizia lo sterrato che si protrae quasi fino alla fine del viaggio. Si corre sullo sterrato per un paio d’ore e si arriva alle formazioni rocciose, meglio dette come “Baga gazrun chuluu”. Una volta sul luogo una camminata di circa 10 minuti vi farà arrivare alla sommità delle rocce per ammirare un bellissimo panorama.

Il sito non è molto frequentato, ma arrivare nel tardo pomeriggio vi darà la possibilità di rimanere da soli, voi e la natura incontaminata.  Per visitarlo ci vogliono un paio d’ore ma è soggettivo.

Dalla sommità delle rocce vedrete in lontananza un accampamento di gher turistiche, se riuscite, anche se più lontano, fatevi portare all’accampamento delle famiglie in zona, molto più bello ed autentico anche se molto, molto più spartano.

Tsagaan suvarga (White Stupa), Voto 9

Magnifico! Dalle Rock Formation ci vogliono dalle 5 alle 7 ore di strada sterrata per arrivare a questa incredibile formazione calcarea  in mezzo al deserto.

Una volta arrivati, un piccolo sentiero vi farà scendere nel bel mezzo delle formazioni e proverete un’emozione incredibile nel poterle toccare e fotografare, le rocce cambiano colore in base alle condizioni climatiche, una sensazione bellissima! Cercate di fare il giro completo della zona, i sentieri sono diversi e per visitarlo ci vogliono circa 2 ore.

Molto vicino al sito ci sono alcuni accampamenti di gher con famiglie, cercate di alloggiare con loro.

Yol Valley (Voto 7)

Vedere questa zona ? Noi abbiamo fatto questa tappa obbligata per l’arrivo al deserto del Gobi, ma a meno che le cascate non siano ghiacciate, a noi la zona non è piaciuta moltissimo, il paesaggio è comunque splendido, come in tutta la Mongolia.

Bayanzag- Flaming cliff / dinosaur’s area, ( Voto  8 )

Questa è la zona dove sono stati trovati i  primi resti in assoluto dei dinosauri , la terra è rossa ed anche qui il paesaggio è sublime.

La guida ci ha lasciato all’inizio dello scavo e ci ha aspettato dall’altra parte del dirupo, cercate di farlo anche voi, potreste così fare un bel giro della zona, scendendo e risalendo dall’altro lato.

Great Sand Dunes – Dune nel deserto (voto 9)

Ci troviamo nel pieno del deserto del Gobi, dovete calcolare circa un’intera giornata per arrivare fino a qui, scordatevi toilette moderne e doccia, nei campi con famiglie, soprattutto in questa zona che è una delle più inospitali della Mongolia, non ci sono servizi per i turisti e si vive molto selvaggiamente, pensate solo che la nostra tenda durante la notte è stata attraversata da un vero e proprio gregge di pecore che la mattina successiva ci siamo ritrovati davanti al nostro uscio, rumori e profumi indescrivibili !

Mongolia, cosa vedere in 10 giorni

La prima esperienza da fare è la cavalcata con cammello al tramonto. Dopo cena, prima che scenda il sole vi attende la scalata alle dune del deserto, la montagna da scalare è ripida ma soprattutto è molto difficoltoso perché nella sabbia si sprofonda! Tranquilli però perché una volta in cima si viene ripagati da una magnifica veduta del deserto !

Da notare che il deserto del Gobi non è un vero e proprio deserto come lo si immagina, difatti non è costituito da sabbia ma è una distesa enorme di terra secca e piccoli cespugli. La sabbia si trova solo in questa zona del Deserto e non è altro che una striscia che si protrae per centinaia di kilometri e si nota ad una considerevole distanza.

Orkhon khurkhree – Waterfall , le cascate(voto 8)

La strada dal deserto del Gobi a questa bellissima cascata è molto lunga e dovete calcolare due giorni con tappa per dormire e per riprendervi dall’uscita dal deserto.

Nel secondo giornoil paesaggio cambia in maniera significativa, l’ambiente non è più arido e secco, si entra nella Mongolia centrale con una natura verde e rigogliosa, con fiumi e foreste a perdita d’occhio, con un cielo che cambia da un minuto all’altro e strade ancora sterrate! Una meraviglia della natura ancora completamente incontaminata!

Mongolia, cosa vedere in 10 giorni

Le cascate sono carine, ma non così imperdibili come lo sono il paesaggio circostante, per questo il voto è 8!

Tsenkher hot spring – Terme all’aria aperta(voto 9)

Solo poche ore di strada sterrata alternata a strada di asfalto dividono le cascate da queste bellissime e spartane terme. Qui si alloggia su gher turistiche e la differenza c’è e si vede, in ogni agglomerato di gher turistica (15-20 per ogni complesso) c’è un piccolo angolo dedicato alle terme dove l’acqua arriva direttamente dalla pozza di acqua sulfurea distante solo qualche centinaio di metri, le terme aprono molto presto alla mattina e rimangono aperte fino a notte fonda…. la pace dei sensi!

Terkhiin tsagaan nuur (white lake) – Lago bianco (voto 10 )

Il lago bianco, tappa assolutamente imperdibile di un viaggio in Mongolia soprattutto se si amano le camminate come noi. Qui dovete almeno fare due giorni perché la zona è veramente molto bella.

Il paesaggio è incredibilmente genuino e stupendo, si possono fare bellissime passeggiate più o meno lunghe e difficoltose.

 

Erdene Zuu Khid – tempio più grande della Mongolia (Voto 8)

Il primo luogo in Mongolia dove abbiamo trovato dei turisti. Qui ci troviamo nel tempio più grande della Mongolia, il luogo, un insieme di vari templi e parchi è relativamente curato e fare fotografie costa carissimo, secondo noi evitatele! In Mongolia, tralasciando Ulan Bator (ne parleremo in un altro articolo), gli edifici, le costruzioni ed il cemento sono inesistenti (ed è bellissimo!!!) , per questo motivo la visita a questo monumento merita la sosta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *