La penisola di Paracas in Perù, cosa fare e cosa vedere

Sono passati due anni ormai dal nostro viaggio di nozze, un viaggio che ricordiamo spesso come uno dei più belli e dei più lunghi. Miami, Giamaica e Perù, ogni Paese sensazioni, emozioni ed esperienze diverse.

Oggi vi vogliamo parlare della Penisola di Paracas, un luogo molto particolare in Perù, una delle prime tappe del famoso “tour dei gringo”, i bianchi, europei ed americani, vengono infatti così chiamati dai peruviani.

La Penisola di Paracas è anche detta “la Galapagos dei poveri”, ma secondo noi non è proprio così! L’escursione è molto bella e gli animali che si vedono sono così tanti che è un’emozione da non lasciarsi scappare! Non è per niente povera!

candelabro

Siamo arrivati al villaggio di Ica tramite uno degli efficientissimi autobus e siamo subito andati alla guesthouse.

Ica è un villaggio, o meglio, è semplicemente una strada e la gente che ci abita vive grazie al turismo. Oltre ad un paio di strade ricche di agenzie di viaggio,banche,ristoranti, locali e souvenir, c’è il deserto nel vero senso della parola.

Per facilitarci le cose e per sprecare meno tempo possibile, questa volta ci siamo affidati alla guesthouse che ci ha organizzato l’escursione per il giorno dopo, escursione in barca alla visita della penisola di Paracas ed in autobus alla Riserva Naturale del Parco di Paracas.

Quello che dovrete fare è semplicemente recarvi nella hall dell’ostello e loro dopo avervi accompagnato al porto, vi faranno imbarcare su un barcone e sarete pronti per l’escursione!

L’escursione in barca fa tappa prima “al candelabro”, una linea tratta sulla sabbia dalla provenienza molto misteriosa, poi si arriva alle isole Balestas dove potrete incontrare e fotografare pinguini, orche,delfini e uccelli di ogni tipo. A noi è piaciuta tantissimo.

Poi è la volta del Parco Naturale di Paracas, qui si arriva in autobus ed oltre alla visita di alcuni musei si vedono dei paesaggi meravigliosi e bellissimi.

A noi questa escursione è piaciuta tantissimo e la consigliamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *