Grazie Graz

Ad Agosto, per la Festa della Birra, decidiamo di ritornare a Villach, in Austria, ma non volevamo fare un week end intero in un posto già visto, così dopo aver percorso un altro paio d’ore di auto decidiamo di spingerci fino a Graz.

Graz gode di un clima mite tutto l’anno e specialmente d’estate ci sono giornate limpide e calde, è una città molto composta, silenziosa e c’è poco traffico, siamo arrivati di sabato mattina e siamo riusciti a visitare bene tutto il centro storico. Le autostrade austriache sono molto larghe e ci sono sempre poche auto, correre in queste strade è sempre un piacere.

Patrimonio dell’UNESCO è situata nel fiume Mur, ha un bellissimo Castello lo“Schlossberg” accessibile tramite una scalinata oppure con la funicolare, dall’altura si vede un panorama di Graz e delle colline, circostanti davvero incantevole.  Ci si deve soffermare nella Torre dell’orologio dove a prima vista sembra che l’ora sia sbagliata, non è così invece, la Torre è molto vecchia, vecchia ancora quando gli orologi avevano solo la lancetta delle ore e non dei minuti, per questo le lancette sembrano invertite.

Graz è un museo a cielo aperto: dalle chiese alla piazze alle vie principale in sampietrini, camminando per il centro storico ci sono dipinti, arcate rinascimentali, palazzi, statue e volti misteriosi di pietra, scoprirli è veramente un piacere. Come tante città austriache e tedesche, nella piazza principale si trova un carillon dove un ragazzo ed una ragazza stiriani ballano tre volte al giorno (alle 11,15 e 18); ma qui, non sono sempre le tre stesse melodie, vengono cambiate ben 5 volte all’anno !

Andando verso il Fiume Mur troviamo due cose particolari. La prima è un’isola artificiale di acciaio molto vistosa a forma di conchiglia semi-aperta, è considerata un legame tra fiume e città dove all’interno si trova un bar e dei giochi per bambini; è importante neanche tanto quanto struttura,ma è stata realizzata nel 2003, l’anno in cui Graz era Capitale della Cultura Europea e ha ridato un nuovo volto non solo a Graz ma anche all’inquinato fiume che ora ha una buona qualità d’acqua.

Terminato il 2003, la scultura doveva essere venduta ma è piaciuta talmente tanto ai grazesi che hanno deciso di tenersela.

 

La seconda cosa interessante è che a Graz c’è una spiaggia, la “Citybeach” ! Sulle rive del fiume, dei ragazzi si sono inventati un bar, hanno portato la sabbia, gli sdrai, la birra ed il dj…ma non è finita! La cosa più simpatica è che dalla “spiaggia”, si vedono dei ragazzi che, appesi con una corda al ponte, cercano di fare surf sul Mur, davvero originale!

 

Curiosità_Un cittadino famoso di di Graz è Arnold Schwarzenegger a lui era stato intitolato lo Stadio della
Città
, diciamo era, perché l’attore, dopo essere diventato governato della California e aver quindi tacitamente acconsentito alla pena di morte, ha perso il titolo di onorificenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *