Cosa fare e cosa vedere a Port Antonio, in Giamaica

Cosa fare e cosa vedere a Port Antonio in Giamaica ? Con questo nostro ultimo articolo sulla Giamaica vogliamo darvi una serie di spunti e consigli su cosa fare in questa piccola località di mare.

Port Antonio non è grande ma in zona si possono fare innumerevoli escursioni e vedere molte attrattive famose e nominate della Giamaica. Inoltre è considerata la zona meno turistica e meno costosa della Giamaica, noi in realtà, come già detto qui abbiamo trovato tutta l’isola molto genuina e con pochissimi turisti.

Una cosa molto importante è decidere in quale zona volete soggiornare. Vi consigliamo di dormire sulla collina di Port Antonio, praticamente in centro, questo vi permetterà di avere tutto a portata di mano, banca, ristoranti, mercato e poco tempo per arrivare da una parte all’ altra della città. ( scriveteci se avete bisogno del nome della nostra bellissima guesthouse). Ricordatevi inoltre che la domenica tutto è chiuso, il paese è completamente deserto.

Cosa fare e cosa vedere a Port Antonio ?

La famosissima e bellissima Blue Lagoon: questa è sicuramente una delle mete più ambite di tutta la zona di PortLand (viene chiamata così la zona di Port Antonio) e c’è una motivazione. Qui il mare è stupendo! Sembra di stare in una piscina.

Siamo arrivati dal centro di PortLand con un combo taxi (taxi condiviso con altra gente) e vi consigliamo di usarlo perché altrimenti spenderete tantissimo per muovervi. Dal centro paese alla zona della Blue Lagoon ci sono circa 15 minuti di strada da percorrere, vi lasceranno sulla statale, percorrete altri 10 minuti a piedi e da qui arriverete alla “spiaggia” della laguna.  Contrattate più che potete per salire sulla barchetta a motore (non sarete soli ma con altri turisti) e farvi fare il giro di tutta la laguna con tanto di spiegazione. Scegliete dove farvi fermare per fare il bagno, sulla spiaggia bianca e selvaggia o sull’isoletta al centro del laguna. Noi abbiamo optato per l’isola. Qui potrete fare snorkeling e sentirvi dei veri naufraghi. Dopo mezz’oretta verranno a riprendervi e vi riporteranno sulla terra ferma.

Winnifred Beach

Le spiagge della Giamaica sono tutte belle. Purtroppo ci sono le spiagge libere e quelle a pagamento. Questa spiaggia è l’unica della zona ad essere ancora ad ingresso gratuito. Si trova sulla strada che da Port Antonio porta alla Blue Lagoon e quindi alle Reach Falls e potrete raggiungerla in combo taxi.

Kingston è veramente pericolosa come dicono ? Leggi qui l’articolo

La spiaggia è ampia, con sabbia bianca, chioschetti e musica a tutto volume a tutte le ore del giorno. Lasciate una mancia all’ingresso per supportare la gente che la tiene pulita e gratuita. Se volete mangiare l’aragosta ad un ottimo prezzo, Portland, rispetto a Negril o altre zone della Giamaica, è il posto migliore per farlo, prenotatela qui per la sera o per il giorno dopo affidandovi ai ragazzi che trovate.

Reach Falls

Queste meravigliose cascate sono chiuse il lunedì!!! Ed indovinate noi quando ci siamo stati ? Il lunedì ovviamente (non l’abbiamo fatto apposta eh!) . Partiamo dal principio.

Per arrivarci senza spendere una fortuna di taxi, dovrete prendere un mini autobus (combi) che vi porterà dal centro di Port Antonio, passando per la sola ed unica strada (che è poi sempre la stessa) all’imbocco di una stradina di campagna e quindi alle cascate. Non è stato facile da Port Antonio capire quale combi prendere perché non ci sono cartelli sui vari bus, ma chiedete alla gente nel piazzale della città dove c’è il distributore di benzina e vedrete che qualcuno vi aiuterà. La strada in combi vi porterà via almeno un’ora, non fatevi lasciare a nessun distributore di benzina lungo la strada (qui infatti ci sarà un taxi che vi aspetta…!!) , ma fatevi lasciare SOLO dove vedete che sulla destra c’è una strada che sale con un cartello che indica le cascate. Se fate a piedi questa strada ci vorrà almeno mezz’ora di salita (sono 4-5 km), è una strada di campagna dove non c’è nulla, voi e la natura, noi non ci siamo sentiti in pericolo, ma a voi la scelta. Se non ve la sentite fatevi portare da un taxista.

Durante tutto il tragitto ci è stato riferito più volte che le cascate erano chiuse ma noi non ci credevamo. Una volta arrivati ci siamo effettivamente resi conto che le cascate hanno come giorno di chiusura il lunedì. Cosa fare ? Ad accoglierci è stato un signore che gentilmente ci ha fatto capire che potevamo entrare lo stesso cercando una guida del posto oppure entrando tramite “l’entrata secondaria” ma NON dall’ingresso principale.

Detto fatto. Vicino all’ingresso, sull’altro lato, abbiamo trovato un cancello lucchettato con un’apertura fatta a mano da qualcuno, dopo un po’ di tentennamento (su facebook trovate il video del reato) siamo entrati e dopo aver percorso una viuzza in mezzo alle mangrovie siamo arrivati alle cascate. Ora noi non vi diciamo di fare come noi, ma se non volete rimanere a bocca asciutta le opzioni sono 2. O non ci venite il lunedì (scelta consigliata!!) oppure entrare abusivi.

Una volta alle cascate, siamo subito stati fermati da una guida abusiva che ci ha chiesto il prezzo pieno del biglietto perché eravamo entrati in una proprietà privata. Aveva ragione. Abbiamo contrattato per una piccola mancia. Purtroppo abbiamo trovato aperto solo la cascata principale quindi la visita non è stata completa, ma meglio di niente. Inoltre oltre a noi c’erano solo altri gruppetti di famiglie che conoscendo il trucchetto di non pagare erano venute appositamente. Il nostro consiglio è di NON andare il lunedì.

Rio Grande

Cosa altro fare a Port Antonio ? Come ultima escursione da fare vogliamo raccontarvi la nostra esperienza sul Rio Grande, e purtroppo è l’unica escursione in tutta la Giamaica che non vi consigliamo di fare.

Il Rio Grande è un fiume molto ampio e l’escursione che vi propongono è di percorrere le rapide con una zattera fatta di canne di bambù. 

Da Port Antonio risulta molto difficile trovare dei combo che vi portano sul Rio Grande perché è proprio dall’altra parte della città. Quindi preparatevi a sborsare più di qualche dollaro per arrivare al luogo di partenza delle zattere.

L’escursione sul Rio Grande costa 45 Dollari americani a testa e dura più di 2 ore. Certo, il paesaggio è carino e l’esperienza è divertente e potrete anche fermarvi a fare il bagno ma l’abbiamo trovato noioso e troppo lungo. Inoltre non è inclusa la mancia al guidatore e quindi preparatevi a sborsare qualche altro soldino. Per noi non sono stati soldi ben spesi e non la consigliamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *