Al Rifugio San Marco, fino alla Forcella Piccola (M.Antelao)

In un’altra splendida giornata di sole ottobrino decidiamo con alcuni amici di fare una semplice camminata che si trasformerà in una camminata abbastanza faticosa!
Sentiero CAI 225

Arrivati a San Vito di Cadore (BL) in località Chiapuzza  a metri 1.044, imbocchiamo il sentiero CAI225 alle ore 9.00 per giungere al Rifugio San Marco a metri 1.823.

Il sentiero parte ripido e continua sempre in maniera abbastanza inclinata, meglio prenderla con calma. In realtà, dal punto di vista paesaggistico non è niente di che, tutto in sottobosco, ma alzando gli occhi si vedono alte e rocciose montagne che ci circondano.

Il Monte Antelao dal Rifugio San Marco
Rifugio San Marco

Continuiamo per circa 2 ore fino a giungere al Rifugio San Marco che risulta essere chiuso ed anche deserto! Il Rifugio è in un ottima posizione, si ha una bellissima visuale dell’ Antelao, sporcato di poca neve fresca appena caduta e si vedono tutt’attorno delle montagne maestose: i giganti delle Dolomiti! Siamo nella zona che precede Cortina, una zona dal punto di vista naturalistico davvero notevole.

I ragazzi non sono stanchi e propongono di arrivare fino alla Forcella Piccola sul Monte Antelao a metri 2.120, noi ragazze accettiamo.

Il sentiero CAI 227 è segnato difficile (nella prima parte), troviamo alcuni punti esposti ed un ponticello di legno, ma tutto sommato pensavamo peggio.

CAI 227, parte del sentiero difficile

Il sentiero continua in piano fino a congiungersi al CAI229 poi inizia a salire in maniera graduale e tira parecchio.

Sentiero CAI229

Facciamo gli ultimi duecento metri a fatica. Il paesaggio anche qui è degno di nota, tocchiamo (per la gioia di Enzo!) la prima neve fresca della stagione, la temperatura si è abbassata di qualche grado ed inizia anche a tirare un vento fresco. Mangiamo di fretta i nostri buonissimi panini e riprendiamo il sentiero dell’andata fino a giungere ad un bivio, prendiamo quindi il sentiero CAI 229 ed alle 15.00 circa, scendendo per una grande distesa d’erba (in inverno la pista da sci), siamo alla macchina.

Camminata davvero appagante dal punto di vista paesaggistico ed anche sportivo. Fattibile da tutti (anche da bambini, la prima parte, ma magari non alla prima camminata!) fino al Rifugio San Marco che da San Vito di Cadore conta 800 metri di dislivello. Per chi volesse arrivare alla Forcella Piccola, consigliamo di prenderla con calma perché sono 1.200 circa di dislivello, ma potete farcela! Abbiamo visto anche un cane, quindi “welcome animals”!

Info Utili_ Arrivati al paese di San Vito di Cadore si prosegue verso Cortina fino ad arrivare in località Chiapuzza e trovare nella destra il cartello per il sentiero nr225 e quindi parcheggiare nella stradina proprio all’imbocco dello stesso. La camminata come già spiegato va affrontata gradualmente per capire fino a che punto si riesce ad arrivare. Al ritorno se scendete verso la distesa d’erba (la pista da sci) arrivate in località Chiapuzza e dovete ripercorrere la strada per arrivare all’auto (15 minuti a piedi circa).

Cartina Trekking_”Tabacco” nr. 003

6 thoughts on “Al Rifugio San Marco, fino alla Forcella Piccola (M.Antelao)

  1. Ehi, quando scrivi "buonissimi panini" io pretendo di sapere con cosa erano farciti!! XD
    Comunque, bei posti, stupendi… camminate così sono davvero rigeneranti!

    Moz-

    1. Eheheheh!! Lo scriviamo apposta! Sono panini con formaggio o seitan per Chiara e panini con formaggio o affettato per Enzo! Ma anche se fosse solo pane andrebbe bene lo stesso, in quei momenti c'hai 'na fame 😉 !

  2. Bei luoghi qualcuno lo conosco ma non come ..camminata, le mie ginocchia fanno i capricci da sempre. Grazie della scarpinata non è stata faticosa ..hehehe e buona serata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *