Al Museo delle Nuvole di Messner

Siamo tornati da poco dalla Sardegna e siamo un po’ fuori forma fisica, decidiamo così di fare una camminata non troppo impegnativa al Museo delle Nuvoledi Messner a quota 2.183 metri che si trova sulla sommità del Monte Rite.

Prima parte del sentiero su mulattiera
Le previsioni meteo non sono delle migliori, arriviamo a Cibiana di Cadore (BL), dove si trova il Rifugio ReMauro a metri 1.536 alle 8.30 ed imbocchiamo la mulattiera che in circa mezz’ora ci porta all’ingresso del sentiero CAI479. Il sentiero è deserto, non c’è nessuno, riusciamo a sentire il rumore del silenzio, c’è una pace indescrivibile, alziamo gli occhi e davanti a noi in lontananza delle alte montagne sembrano accompagnarci nella nostra avanzata verso il Monte Rite.
La camminata è decisamente semplice, ha una salita graduale e mai troppo pendente, si sale senza rendersene conto.
Il terreno è umido e pieno di fango, ogni tanto si scivola, i bastoncini ci aiutano molto; troviamo qualche rifiuto (che al ritorno raccoglieremo), molti fiori colorati ed un infinità di funghi: questa estate ha piovuto così tanto che la natura si esprime in tutto il suo splendore.
Enzo avanza per primo, ad un certo punto si ferma e si blocca ad osservare uno strano fungo: WOW! E’ rosso vivo e ha dei punti bianchi nel cappello, sembra uscito dai cartoni animati dei puffi, è la prima volta che vediamo un fungo così raro e così bello, è molto appariscente ma è soprattutto bellissimo! Sembra finto! Sarà forse l’amanita ?
Non ne siamo sicuri ma facciamo mille foto e proseguiamo contenti.

Amanita Muscaria
Amanita Muscaria
Terminato il CAI479  riprendiamo da prima la mulattiera che avevamo lasciato all’inizio della camminata poi prendiamo il CAI478 che sale sulla pendice del monte e vi prosegue fino al Monte Rite dove vi si apre, anche se coperta da grosse nuvole, una bellissima visuale che spazia sul Pelmo, Civetta, Marmolada, Tofane,Sorapis, Antelao e Cimon della Pala, arriviamo quindi al Museo delle Nuvole.

Dal Monte Rite
Abbiamo detto ad un’amica: domani andiamo al Museo delle Nuvole di Messner! E lei ci ha detto: ‘Ma chi ? Quello della pubblicità dell’acqua?’  Siamo scoppiati a ridere !

Reinhold Messner è l’unico uomo sulla terra ad aver scalato 3.600 montagne in tutto il mondo ed ha il primato mondiale come primo scalatore senza bombole d’ossigeno ad aver scalato i 14 monti sopra gli 8.000 metri.

Verso il Museo, le cupole in lontananza
Il MMM (Messner Mountain Museum) è uno dei 5 Musei che Messner ha costituito sulle Alpi, ognuno è dedicato ad un argomento diverso legato alla montagna ed ognuno è collegato all’altro.
L’ingresso al MMM
Il MMM è stato costruito in un vecchio forte della Grande Guerra, all’interno vi si trovano quadri e fotografie dei monti circostanti, ci sono cimeli e vecchi indumenti usati per le scalate, alcune informazioni su Messner ed una sala proiezioni. Non è molto grande ma è sicuramente una tappa imperdibile, vi sono  inoltre delle scale terminanti con una piccola cupola di vetro dove si vede il paesaggio al di fuori.
Messner Mountain Museum
Terminata la visita usciamo e mentre il cielo si tinge di nuvole grigie e minacciose riprendiamo il sentiero della discesa.

A nostra sorpresa incontriamo molte famiglie che salgono sfidando il tempo. Noi terminiamo la camminata al Rifugio ReMauro con una meritata radler.

Al ritorno della camminata, scopriamo che qualcuno aveva strappato, rotto, ucciso il bellissimo fungo rosso. Ci siamo rimasti davvero molto male. Non trovando una ragione plausibile a questo gesto, ci siamo chiesti se per caso, essendo un fungo velenoso, ci si dovesse comportare proprio così. Ritornati al punto di partenza ed andati al negozietto di artigianato locale, un’anziana signora stava dipingendo proprio quel fungo in un pezzo di legno (che coincidenza!), non abbiamo resistito ed abbiamo chiesto informazioni.
La signora ci ha spiegato che si trattava proprio dell’amanita muscaria (uno dei funghi più allucinogeni al mondo) ed è un fungo molto raro. Non bisogna strapparlo alla sua terra, prima di tutto perché non ha senso ed è irrispettoso poi perché dove si trovano questi funghi pericolosi per l’uomo, si trovano anche i funghi buoni da mangiare; ci spiega inoltre che ora va di moda raccoglierli per portarli a casa e mostrarli, la fotografia non è più di moda.
Ci domandiamo come si possa fare un’azione del genere e a quale scopo, soprattutto perché abbiamo incontrato solo famiglie con bambini. Quindi ci sentiamo di dire a caratteri cubitali:
RISPETTA L’AMBIENTE.
Non strappare, pestare o sradicare funghi, specialmente i più rari.
Non raccogliere fiori, soprattutto la stella alpina, è un fiore raro.
Non lasciare nessuna traccia di te e se trovi dei rifiuti, raccoglili e
portali a valle.
RISPETTA LA NATURA.
Come raggiungere il MMM_ Si parte dal paese di Cibiana di Cadore(BL) precisamente dal Rifugio ReMauro verso la mulattiera che si inerpica dietro al Rifugio, dopo circa mezz’ora di camminata si prende il sentiero 479 sulla sinistra e si prosegue fino alla strada sterrata, si prende il CAI478 fino al Museo, il dislivello è di circa 600 metri e si percorre in circa 2 ore. Per il ritorno si può fare la stessa strada dell’andata oppure seguire  la mulattiera. E’ un sentiero molto frequentato e adatto a chiunque, anche ai cani !
Volendo si può salire al Museo con il servizio di navetta al costo di Euro 6,00 previa prenotazione.
Per arrivare a Cibiana di Cadore si prende l’autostrada A27 in direzione Ponte nella Alpi fino a raggiungerlo (l’autostrada termina). Si prosegue per la SS51 in direzione Cortina fino ad incontrare il paese di Valle di Cadore e quindi seguire le indicazioni sulla sinistra per Passo Cibiana, Museo delle Nuvole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *